Futsal, Serie A2: nel girone del Bernalda un team si ritira - I AM CALCIO MATERA

Futsal, Serie A2: nel girone del Bernalda un team si ritira

New Taranto
New Taranto
MateraCalcio a 5

Tramite una pec inviata al presidente della Divisione Luca Bergamini, la New Taranto si ritira dal campionato di Serie A2, girone D. Il team, militante nello stesso raggruppamento del Bernalda Futsal, doveva terminare il campionato con la partita casalinga contro il Napoli capolista e quella in trasferta contro il Cosenza. Ecco di seguito la pec del club:

"Egregio Dott. Luca Bergamini, la presente per comunicarLe la decisione della nostra società di ritirarsi con effetto immediato dal campionato in corso

Si tratta di una decisione dolorosa, maturata al termine di un periodo difficile e in conseguenza di tante, discutibili e spiacevoli decisioni prese nei nostri confronti.

Prima fra tutte la collocazione dell’A.S.D. New Taranto calcio a 5 in un girone diverso da quello che ha visto figurare le compagini nostre corregionali, (Capurso, Cassano, Giovinazzo e Manfredonia) costringendoci a numerose trasferte molte delle quali significativamente onerose dal punto di viste economico. Il mancato ristoro delle cosiddette “trasferte disagiate”, i costi accessori derivanti da continui controlli sanitari (test sierologici, tamponi, DPI) hanno contribuito pesantemente a rendere insostenibile finanziariamente la situazione.

Società, staff e giocatori hanno perpetrato tutti insieme lo sforzo sino ad oggi, con atteggiamento stoico nonostante le molte, troppe difficoltà, di disputare un campionato che ci vediamo costretti a definire “falsato” dai tanti rinvii “artefatti”.Riteniamo dunque, di non voler esporre i nostri atleti, staff tecnico e dirigenziale ad ulteriori considerevoli rischi di contagio e infortuni essendo gli stessi per larghissima parte lavoratori, rinunciando a giocare le ultime partite.Nel ribadire il dispiacere e la ferma consapevolezza di agire in tutela del gruppo squadra tutto, cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti".

Giovanni Colucci