Auteri: "Matera se la gioca. Catanzaro ha fatto storia della Calabria"

Auteri
Auteri
- 54794 letture

Conferenza stampa pre partita per Auteri, queste le sue parole prima di Catanzaro-Matera:

"Scopriremo la nostra dimensione solo seminando. Andremo a giocare la partita a Catanzaro accettando il confronto, hanno giocatori di qualità, hanno da poco cambiato guida tecnica e ce la giochiamo. Poi non amo fare tante valutazioni sui risultati, su tre, quattro, cinque vittorie, le partite adesso non danno un orientamento definitivo. Chiaro che andremo alla ricerca dei tre punti con rispetto e considerazione verso un avversario di caratura. Non amo fare riflessioni sugli sviluppi di classifica, nel bene e nel male. Non serve. Meglio concentrarsi sulle prestazioni della squadra e dell'individuo. Cerchiamo di sviscerare i lati deboli e lati positivi di ogni singolo avversario, metteremo nella contesa tutto ciò che serve. Acciacchi di percorso? Qualche scontro di gioco in allenamento, è successo a Battista, a Strambelli, a Urso, i problemi sono altri. Dugandzic, Sartore, Corado sono ancora fuori. Stendardo ha recuperato. L'attaccante croato s'è fermato per un fastidio ad una caviglia, Sartore nonostante lo teniamo in una sfera di cristallo è un giocatore molto sensibile perché ha delle recidive passate. L'unico intoppo è Corado, all'improvviso, Maimone ha avuto un fastidio mentre faceva calcio-tennis. Non abbiamo tante alternative ora ma siamo comunque competitivi. Probabilmente il Catanzaro e le altre ne hanno più di noi, ma ce la giochiamo. Catanzaro ha fatto la storia della Calabria per decenni e il passato non si cancella, quello è. Mi aspetto una partita di livello". 

Giovanni Colucci